29 giugno 2018

Contributi per la trasformazione dei prodotti agricoli

E' aperto il bando dell'operazione 4.2.1 Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli - PSR Regione Piemonte.  Il bando prevede aiuti alle imprese agroindustriali per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature. L’aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale (40% della spesa ammissibile). La percentuale di aiuto concessa alle PMI per investimenti concernenti la trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non agricoli è pari al 10 % della spesa ammissibile. La scadenza per la presentazione delle domande di aiuto è fissata al 12 luglio 2018.  Per i dettagli: https://bit.ly/2vDBcXQ

Condividi con :

Email Facebook Google LinkedIn Twitter

28 giugno 2018

Azienda agricola di Massimo Arlotta Tarino - San Michele (AL)

Massimo Arlotta Tarino è titolare di un’azienda agricola a San Michele (in provincia di Alessandria) dove coltiva terreni di pianura per circa 200 ettari, tra proprietà e affitto, principalmente con cereali ed in parte oleaginose. In una buona percentuale di terreni attua le minime lavorazioni, sia su grano, sia su mais da circa 7 anni. “La minima lavorazione che pratico consiste in una rippatura e una preparazione diretta sulla rippatura, confortata da una semina con una seminatrice a dischi. Essa consente una semina ottimale, perché taglia i residui e non crea intasamenti. In anni in cui non c’è una grande soddisfazione economica si riducono notevolmente i costi”. Arlotta però avverte: “Queste pratiche dipendono molto dalle condizioni ambientali. In certi anni, se il terreno non è in tempera, valuto molto bene la struttura del terreno e il compattamento prima di attuare queste tecniche innovative”.

Condividi con :

Email Facebook Google LinkedIn Twitter

27 giugno 2018

Andrea Lando, azienda zootecnica - Prazzo (CN)

Da tre anni Andrea Lando, titolare di un’azienda zootecnica con sede a Prazzo, in provincia di Cuneo, utilizza Moocall, un dispositivo irlandese progettato per tenere d’occhio le vacche incinte e aumentare i tassi di nascita e i profitti dell’allevamento.  Lo strumento utilizza sensori di movimento che vengono agganciati alla coda della vacca incinta e invia un sms all’allevatore circa un’ora e mezza prima che la vacca partorisca. “Sono stato il primo in zona ad usare questa tecnologia, che non è invasiva per l’animale e che si è rivelata utilissima per salvare molti vitelli – spiega Andrea – È difficile, infatti, prevedere il travaglio delle vacche e a volte è necessaria la supervisione degli allevatori. Se ci si accorge tardi che un animale sta per partorire, c’è il rischio di perdere vacca e vitello. In questi anni – aggiunge Andreea -  parecchi allevatori sono venuti a vedere come funziona questo sistema e anche i più scettici hanno iniziato a comprenderne i benefici”.

Condividi con :

Email Facebook Google LinkedIn Twitter

25 giugno 2018

Azienda agricola Borgo - Tornaco (NO)

L’azienda agricola Borgo, con sede in Tornaco (in provincia di Novara), nella bassa novarese, si è arresa alla predominanza delle infestanti che non poteva più controllare. Carlo Zanetta, legale rappresentante della società, ha adottato un sistema integrato per la gestione del riso, spostandosi sul metodo di coltivazione biologica e andando addirittura verso il metodo che si ispira alla filosofia giapponese di un’agricoltura in grado di ridurre al minimo l’intervento dell’uomo.

Condividi con :

Email Facebook Google LinkedIn Twitter

22 giugno 2018

Azienda Agricola Rusticone Francesco - Nizza Monferrato (AT)

L’Azienda Agricola Rusticone Francesco di Nizza Monferrato, in provincia di Asti, è specializzata nella conduzione di noccioleti vocati alla produzione della famosa Tonda Gentile Trilobata, molto richiesta dalle più importanti industrie dolciarie nazionali.
Da ormai 10 anni l’azienda segue i regolamenti del Psr volti a ridurre l’uso  delle sostanze antiparassitarie nei noccioleti e soprattutto l’uso dei diserbanti. Al proposito il titolare ci riferisce che il mercato è molto sensibile ai temi dell’ecocompatibile e dell’agricoltura a basso impatto ambientale.
L’azienda aderisce alla misura 10.1 del Psr ed è coadiuvata nel suo lavoro dall’assistenza di tecnici qualificati che si occupano di effettuare i frappage e i monitoraggi nei vari appezzamenti per consigliare il minor numero di trattamenti ottenendo la massima efficacia possibile.

Condividi con :

Email Facebook Google LinkedIn Twitter
Top